25 MARZO: LA VIOLENZA DOMESTICA AI TEMPI DEL COVID-19

Mercoledì 25  marzo 2020

LA VIOLENZA DOMESTICA AI TEMPI DEL COVID-19

Il Coordinamento dei centri antiviolenza dell’Emilia-Romagna riporta le preoccupazioni per le donne che subiscono violenza ai tempi dell’emergenza sanitaria

Se sottostare alle limitazioni imposte per prevenire la diffusione del Covid-19 è difficoltoso per tutti, lo è ancora di più per le donne che subiscono o hanno subito violenza. Durante questa reclusione forzata le donne sono esposte a un maggior controllo da parte dell’autore di maltrattamenti, innalzando il rischio per la loro incolumità. La chiusura delle scuole e dei centri diurni per anziani e persone non autosufficienti, da una parte aumenta il carico di lavoro di cura, e dall’altra rende maggiormente problematico l’allontanamento. 

I centri del Coordinamento vogliono far sapere a tutte le donne che possono uscire di casa per chiedere aiuto per motivi di violenza, portando con sé un’autocertificazione che compileranno solo nel momento dei controlli, dato che – anche nelle parole della ministra Elena Bonetti (https://www.repubblica.it/cronaca/2020/03/21/news/elena_bonetti_se_subite_violenza_chiedete_aiuto_andate_al_centro_antiviolenza_e_nessuno_vi_multera_-251867069/), si tratta di una situazione di necessità. Auspicano pertanto la massima attenzione e collaborazione da parte delle Forze dell’ordine preposte ai controlli in questi giorni perché facilitino le donne costrette ad allontanarsi da casa per mortivi legati a violenza nelle relazioni di intimità.  more “25 MARZO: LA VIOLENZA DOMESTICA AI TEMPI DEL COVID-19”

Emergenza Coronavirus: il sostegno alle donne che subiscono violenza non si arresta, i centri antiviolenza rimangono aperti

Di seguito potete trovare le misure emergenziali messe in atto dai centri antiviolenza del Coordinamento dei Centri Antiviolenza dell’Emilia-Romagna per prevenire la diffusione del contagio di Covid19 senza bloccare le attività di sostegno alle donne che subiscono violenza. Come potrete vedere tutti i centri antiviolenza hanno preso la decisione di rimanere aperti, garantendo la reperibilità telefonica, prediligendo modalità di colloquio tramite video-chiamata e predisponendo colloqui personali per situazioni di emergenza (adottando le dovute misure di prevenzione e contingentamento illustrate dai DPCM).

La decisione di rimanere aperte e non ridurre l’orario di reperibilità al pubblico è una chiara scelta politica, fatta dai nostri centri nonostante il Coronavirus. Abbiamo deciso di lasciare almeno la possibilità alle donne di sapere che possono rivolgersi ai centri antiviolenza della nostra rete, rendendoci conto della grande difficoltà che avranno anche solamente a contattarci, essendo ora più che mai costrette in casa e assoggettate al controllo del partner violento tra le mura domestiche. Purtroppo siamo certe che questa permanenza forzata in casa farà emergere molta più violenza di quanta già non ci sia in una normale quotidianità, lo dimostrano il femmicidio avvenuti durante la giornata di ieri a Torino o il tentato femmicidio di Pesaro.

Le case rifugio proseguono la loro attività, verranno comunque frequentate dalle operatrici, rispettando le indicazioni, per supportare le signore ospiti soprattutto con bambini/e, che, con scuole e agenzie educative chiuse e senza una rete familiare di supporto, sono totalmente a carico delle madri. L’emergenza Coronavirus sta manifestando esplicitamente le pecche di un sistema culturale ed economico totalmente patriarcale.

(Le informazioni nella seguente tabella potrebbero subire delle modifiche o aggiornamenti in base all’evoluzione della situazione di emergenza sanitaria)

Nel file pdf potrete trovare tutte le informazioni: Emergenza coronavirus (aggiornato al 26.03.2020)

A questo link le informazioni su tutti i centri antiviolenza italiani aderenti alla rete D.i.Re Donne in Rete contro la violenza

Coordinamento dei Centri Antiviolenza dell’Emilia-Romagna

Dati

I dati sulle donne accolte dai centri antiviolenza della nostra Regione sono raccolti dal Gruppo Osservatorio del Coordinamento dei centri antiviolenza dell’Emilia-Romagna. more “Dati”